Sono le sardine in acqua meglio per te che in olio?

Più di 20 varietà di sardine provenienti dagli Stati Uniti, dalla Francia, dal Portogallo, dalla Norvegia e dalla Spagna sono catturate, trasformate e conserve. Sono disponibili imballati in olio, acqua e senape o salsa di pomodoro. Sono disponibili anche affumicato. Le sardine in scatola sono una ricca fonte di proteine, aminoacidi, vitamine e acidi grassi essenziali: vengono utilizzati dal corpo per ridurre l’infiammazione, costruire e mantenere le ossa e sostenere il sistema nervoso. Le sardine in scatola in acqua sono un’opzione più sana con il colesterolo inferiore e il grasso inferiore rispetto a quelli in scatola in olio.

Colesterolo e grasso

Il colesterolo medio in una lattina di 3 ounce di sardine in acqua è di 30 milligrammi, mentre le sardine in olio hanno 40 milligrammi di colesterolo. Le linee guida dietetiche 2010 per gli americani suggeriscono di limitare il colesterolo a 300 milligrammi al giorno o 200 milligrammi al giorno se si dispone di malattie cardiache. In media, il grasso totale in una lattina di 3 ounce di sardine in olio è di 11 grammi di grasso totale con 5 grammi di grassi saturi; le sardine in acqua hanno 5 grammi di grasso totale con 1.8 grammi di grassi saturi.

Nutrienti

Le sarde sono secondo solo al fegato di vitello nel fornire le più alte quantità di vitamina B12 negli alimenti. La vitamina B12 supporta il sistema nervoso e può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Vitamina D, selenio e proteine ​​si trovano anche nelle sardine in scatola. Il contenuto di sostanze nutritive delle sardine è simile se sono in scatola in acqua o in olio, tuttavia leggere l’etichetta nutrizionale per il percento di ogni nutrimento, a causa della varietà di dimensioni e porzioni di canne.

Acidi grassi essenziali

Gli acidi grassi Omega-3 da sardine nell’olio di oliva e gli acidi grassi Omega-6 da olio di mais e di soia forniscono acidi grassi essenziali che il corpo non è in grado di produrre da solo. Il corpo ha bisogno di più omega-3 rispetto all’omega-6 per ridurre il rischio di malattie cardiache e infiammazioni. Dato che l’olio d’oliva è più elevato in omega-3 rispetto agli altri oli, le sardine nell’olio d’oliva contengono più omega-3 rispetto alle sardine in acqua, tuttavia le sardine in acqua sono ancora l’opzione migliore con minori quantità di colesterolo e grasso.

Sodio

Come definito nelle linee guida dietetiche 2010 per gli americani, il sodio dovrebbe essere limitato a 1.500 milligrammi al giorno in persone attive. Il limite superiore di assunzione di sodio non deve superare i 2.300 milligrammi al giorno. Una media di 3 once di sardine in acqua ha 200 milligrammi di sodio, e le sardine in olio hanno 400 milligrammi di sodio. Se avete problemi di sodio, considerate che le sardine in scatola di senape contengono quantità più elevate di sodio rispetto a quelle in scatola in acqua o olio.