Circa lisinopril e funzione renale

Lisinopril è un inibitore di ACE (recombinante angiotensina). Anche se viene regolarmente somministrato a pazienti con alta pressione sanguigna, viene somministrata anche ai pazienti renali senza ipertensione come misura preventiva. Comprendere la connessione tra lisinopril e funzione renale spiega molto sui benefici di questo trattamento.

Regolazione della pressione sanguigna

La regolazione della pressione arteriosa è importante per tutti, ma soprattutto per i pazienti renali. I reni sono quasi interamente costituiti da tessuto vascolare. I piccoli filtri noti come glomeruli costituiscono la parte più grande di questo tessuto. Poiché i glomeruli sono nient’altro che piccoli capillari, possono essere facilmente distrutti dall’elevata pressione sanguigna. Anche in assenza di altre malattie renali, l’ipertensione può solo distruggere i reni in modo che possa essere particolarmente pericolosa per i pazienti i cui reni sono già compromessi. Poiché lisinopril abbassa la pressione sanguigna, può svolgere un ruolo importante nel prolungare la funzione renale.

Expert Insight

I vantaggi del lisinopril vanno oltre il semplice mantenimento della pressione sanguigna. Lisinopril è un inibitore dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE). La ricerca ha dimostrato che gli inibitori ACE hanno un effetto renale protettivo che va oltre la capacità di controllare la pressione sanguigna. Uno studio del 2001 pubblicato nella rivista Nephrology Dialysis Transplantation ha esaminato l’effetto del lisinopril sui pazienti renali. La proteina in eccesso nelle urine o nella proteinuria è stata ridotta del 24 per cento tra i pazienti che hanno assunto lisinopril e solo il 10 per cento nel gruppo che ha controllato la pressione sanguigna con farmaci diversi dagli ACE inibitori. Questi risultati sono stati ripetutamente duplicati. L’Associazione Americana dei Familiari afferma che lisinopril, rispetto ad altri farmaci antipertensivi, fornisce la migliore protezione contro la progressione della malattia renale.

Protezione dei reni

Non è chiaro come inibitori ACE in genere — e lisinopril in particolare — proteggere i reni. Nel suo articolo di revisione per l’Associazione Americana dei Familiari, MD di Catherine S. Snively rispecchia l’opinione diffusa che i benefici per i reni protettivi degli inibitori ACE sono legati alla loro capacità di diminuire la proteina delle urine: la riduzione della proteina delle urine è importante perché I pazienti renali spesso presentano proteine ​​urine elevate. Normalmente, i reni impediscono la formazione di proteine ​​nelle urine. Purtroppo, questo non è sempre vero per i pazienti renali. Poiché le proteine ​​sono grandi molecole e glomeruli sono tali filtri fini, i glomeruli possono essere danneggiati quando le proteine ​​li attraversano. Poiché gli inibitori ACE riducono la proteina urinaria, si pensa che prolungano la funzionalità renale.

Effetti sulla creatinina e sul potassio

L’esperienza più significativa degli effetti collaterali nei pazienti che utilizzano lisinopril è un lieve aumento della creatinina sierica. Poiché la creatinina sierica è un marker per la malattia renale, i pazienti erroneamente credono che la loro funzione renale sta peggiorando. Questo effetto indesiderato si allontana quando il farmaco viene fermato. I pazienti possono anche verificarsi dei cambiamenti nei loro livelli di potassio. L’Associazione Americana dei Familiari riferisce che sono stati osservati aumenti lievi. Dato che i livelli elevati di potassio possono causare gravi problemi cardiaci, è importante monitorare il potassio dopo l’avvio di lisinopril, specialmente per i pazienti la cui malattia renale è così grave che la regolazione del potassio è già un problema.

Altri effetti collaterali

Lisinopril è generalmente ben tollerato. Tosse, diarrea, vertigini, cefalea e stanchezza si verificano in un piccolo numero di persone. Mentre gli effetti collaterali gravi sono molto rari, Drugs.com avverte che un medico deve essere consultato immediatamente se un paziente soffre di dolori al torace, urine scure, minzione della minzione, problemi di deglutizione, alterazioni del battito cardiaco, dolore allo stomaco e ingiallimento degli occhi o della pelle.

I segni di reazione allergica devono essere immediatamente segnalati e comprendono difficoltà respiratorie, rash e gonfiore del viso, delle labbra, della lingua e della gola. Cura medica di emergenza deve essere ricercata per sintomi di reazione allergica.

Reazione allergica