Cause di gonfiore delle caviglie post-allenamento

Si raccomanda spesso un esercizio moderato per aumentare il flusso sanguigno, rafforzare i muscoli e le ossa e promuovere la salute e il benessere complessivo. Pertanto, quando si nota gonfiore dopo gli allenamenti, può essere causa di confusione e preoccupazione. Il gonfiore o l’edema nelle gambe e nelle caviglie non è necessariamente insolito e può essere causato da una serie di fattori.

È normale che le parti del corpo si gonfi durante e dopo l’esercizio fisico. Secondo Robert H. Shmerling, MD, questo fenomeno è associato alla vasodilatazione. Durante l’esercizio, i vasi sanguigni si aprono per consentire un maggior flusso di sangue. Ciò può causare le mani, il viso, le gambe e i piedi per ingrandire leggermente e persino apparire gonfiati. La vasodilatazione si ritrova da sola dopo che il corpo si raffredda.

La risposta ormonale può essere responsabile del gonfiore di alcune persone, in particolare delle donne. Secondo la National Library of Medicine, le donne che assumono integratori di estrogeni possono essere più inclini al gonfiore. Le donne in gravidanza sono anche suscettibili di gonfiore a causa di un aumento complessivo dei livelli di estrogeni, nonché un aumento del volume del sangue e della ritenzione idrica in tutto il corpo. Poiché gli esercizi come la passeggiata, il jogging e l’escursione incoraggiano gli effetti naturali della gravità, gran parte dei fluidi del corpo, naturalmente, raggruppano nelle gambe inferiori, nelle caviglie e nei piedi durante l’attività fisica e quindi può provocare il gonfiore.

Si può sviluppare gonfiore se si ha una pregiudizio precedente non ancora guarito o si sta recuperando da una recente intervento chirurgico delle gambe o delle caviglie. Le fratture di stress possono anche causare gonfiori. Se si esegue o cammina molto, infiammazione nelle articolazioni a causa di artrite o irritazione da tendinite o sinovite può anche presentarsi come gonfiore delle caviglie.

Anche se il gonfiore delle gambe e dei piedi può essere un segno di fallimento dell’organo, non è probabile, soprattutto se il gonfiore si verifica solo dopo un allenamento. Nei casi di insufficienza cardiaca, epatica o renale, l’organo in genere non riesce a responsabilizzare il ciclo di fluidi in tutto il corpo. Questi liquidi in eccesso creano quindi un edema che può manifestarsi come gonfiore delle caviglie, delle mani e dei piedi. Per motivi di sicurezza, consultare il proprio medico se avete qualche preoccupazione.

Se hai escluso il fallimento dell’organo e le lesioni come possibili cause, non devi essere allarmato finché il gonfiore è gestibile e sussiste dopo poche ore. Se le caviglie non tornano alla dimensione normale, dovreste prendere in considerazione la possibilità di riposare dalla routine di allenamento per consentire un tempo di guarigione. È anche possibile applicare ghiaccio alla zona interessata, o immergere i piedi e le caviglie in un bagno di acqua di ghiaccio e sale di epsom. Considerate l’adattamento per le scarpe corrette di atletica con un fornitore di scarpe reputato pure. Le scarpe ben attrezzate possono contribuire a garantire che il vostro cammino sia stabile e meno incline alle lesioni.

Vasodilatazione

ormonale

ferita

Fallimento dell’organo

Rimedi